giovedì 28 giugno 2012

"Non hai paura di farti leggere i Tarocchi?"



Da una chiacchierata con un'amica è nata l'idea di questo video. Quando racconta a qualcuno che lei si fa leggere i Tarocchi, spesso parte la domanda: "Ma non hai paura di farteli leggere? Di quello che puoi scoprire?". Lei risponde: "No, perché dovrei avere paura? Parlano di me, della mia vita, di quello che mi sta succedendo...". E da qui partono le mie considerazioni...

mercoledì 27 giugno 2012

Cosa offre una buona lettura dei Tarocchi?



"Una buona lettura conferma ciò che già sapete e su cui siete in cerca di conferme. Essa dovrebbe darvi ispirazione e speranza di proseguire nel vostro cammino, darvi spunti per spiegare perché le cose possono non andare come vorreste, mostrare una prospettiva obiettiva delle questioni che vi preoccupano o darvi chiarezza su cose che dovete conoscere in modo da poter andare avanti sicuri e in pace".

Colette Baron-Reid

martedì 26 giugno 2012

L'Eremita dei Tarocchi alla scoperta del segreto della vita



«Quella strana convinzione che le vicende che mi capitano abbiano un senso ulteriore, significhino qualcosa; che la vita con le sue vicende racconti qualcosa di sé, ci sveli gradatamente qualche suo segreto, stia davanti a noi come un rebus il cui senso è necessario decifrare, e le vicende che viviamo siano la mitologia della nostra vita e in questa mitologia stia la chiave della verità, e del mistero. Si tratta forse di un inganno? È possibile, è addirittura probabile, ma non riesco a sbarazzarmi del bisogno di decifrare continuamente la mia vita». 

Milan Kundera, “Lo scherzo”

giovedì 21 giugno 2012

mercoledì 20 giugno 2012

Il Sole dei Tarocchi e il Solstizio d'Estate



Oggi, 20 giugno 2012, alle 23:09 ci sarà il Solstizio d'Estate.
Il Sole è la carta dei Tarocchi che rappresenta l'Estate.
Con i suoi raggi illumina, scalda, mescolandosi con l'acqua feconda e dona la vita.

Per chi vuole propiziare e festeggiare questo evento attraverso qualche rituale può ricercare il contatto con la natura: immergersi nelle acque di una fonte o di un fiume, abbracciare un albero, sdraiarsi su un prato, contemplare il cielo, le stelle, danzare.
Se siete al mare, potete fare un bagno notturno, accendere un fuoco sulla spiaggia e guardare le fiamme che danzano libere. Voi siete quelle fiamme.
Potete fare una cena a base di frutta, bere delle tisane, purificarvi, sentirvi leggere.

La Natura è la vita. Noi siamo la vita. Ritorniamo a noi stessi.

martedì 19 giugno 2012

Tarocchi - Il Mondo è la tappa finale del nostro cammino...



"Non vi è nient'altro da fare che lasciarsi vivere. Aprire, rilassare, lasciare che il proprio spirito riposi, non accumulare più, non cercare più, liberarsi dal dubbio e dall'attesa, la spessa muraglia che impedirebbe alla pioggia e al sole di far germinare le sementi profonde che io avrò messo in te".

 - Daniel Odier -

martedì 12 giugno 2012

Tarocchi - Il vero, grande amore...



"Quando, dal profondo del tuo cuore, auguri spontaneamente a tutti gli esseri viventi di trovare la vera, duratura felicità, questo è vero, grande amore". 

- Dalai Lama -

lunedì 11 giugno 2012

L'amore mi sembra di tutte la cosa più importante...



"L'amore mi sembra di tutte la cosa più importante. Penetrare il mondo, spiegarlo, disprezzarlo, può essere opera di filosofi. A me importa solo di poterlo amare; a me importa solo di poter considerare me, tutti gli esseri e il mondo con amore, ammirazione e rispetto".
[Hermann Hesse, Siddharta]






Sono Bianca Adriano, lettrice e interprete di Tarocchi.

Aiuto le persone a sbloccare la propria Vita, potenziare l'Intuito, decifrare i Messaggi dell'Anima e del Corpo. Per farlo uso Terapie Olistiche Integrate: Tarocchi, Oracle Cards, Sciamanesimo, Chakra, Shiatsu, Meditazione Guidata.

Sono studiosa di Tarocchi come metodo di conoscenza di sé e come metodo di divinazione.

Tengo Corsi sui Tarocchi a tutti i livelli e faccio Consulti.

Per avere il tuo Consulto scrivi a biancaadriano1@gmail.com o telefona al 392.65.77.244

sabato 2 giugno 2012

Fortuna, sfortuna: chi può dirlo?


Un'antica storia narra che...

Un contadino che abitava in un piccolo borgo sperduto e un giorno scoprì che la sua vacca, uscita dal recinto, era scomparsa. Mentre la cercava, s'imbatté nel vicino, che gli domandò dove stesse andando. Quando rispose che aveva perso la vacca, il vicino commentò scrollando il capo:"Che sfortuna".
"Fortuna, sfortuna: chi può dirlo?" ribatté il contadino e proseguì la sua strada. Oltrepassati i campi coltivati, giunse sulle colline e qui trovò la sua vacca che pascolava tranquillamente accanto ad un magnifico cavallo. Ricondusse la vacca verso casa, e il cavallo gli venne dietro.
Il mattino seguente, il vicino venne per avere notizie della vacca. Vedendola di nuovo nel suo recinto accanto al magnifico cavallo, chiese al contadino che cosa fosse successo. Quando gli spiegò che il cavallo gli era venuto dietro, il vicino esclamò:" Che fortuna!".
"Fortuna, sfortuna: chi può dirlo?" replicò il contadino e tornò alle sue faccende. Il giorno seguente suo figlio venne congedato dall'esercito e tornò a casa. Tentò immediatamente di salire in groppa al magnifico cavallo, ma cadde a terra e si ruppe una gamba. Il vicino, vide il giovanotto seduto sulla veranda con la gamba ingessata mentre il padre zappava l'orto e chiese che cosa fosse successo. Ascoltò scrollando il capo, e poi fece: Che sfortuna!".

"Fortuna, sfortuna: chi può dirlo?" rispose il contadino riprendendo a zappare il suo orto.
L'indomani il reparto del giovanotto arrivò a passo di marcia per il sentiero. Nel corso della notte era scoppiata la guerra e gli uomini si recavano al fronte. Vedendo che il figlio non era in grado di andare con loro, il vicino si sporse oltre lo steccato e rivolgendosi al contadino che si trovava nel campo osservò che almeno gli era stata risparmiata la sciagura di perdere il figlio in guerra: "Che fortuna!" "Fortuna, sfortuna: chi può dirlo?" replicò il contadino riprendendo ad arare il campo.
Quella sera, il contadino e suo figlio si sedettero a tavola per cena, ma dopo aver mangiato appena qualche boccone il figlio rimase soffocato da un osso di pollo e morì. Al funerale, il vicino mise una mano sulla spalla del contadino e disse tristemente: "Che sfortuna!".
"Fortuna, sfortuna: Chi può dirlo?"replicò il contadino, deponendo un fascio di fiori accanto alla bara. Qualche giorno dopo il vicino venne da lui con la notizia che l'intero reparto di suo figlio era stato massacrato. " Tu almeno hai potuto essere accanto a tuo figlio quando è morto. Che fortuna! disse. "Fortuna, sfortuna: chi può dirlo?" rispose il contadino e si avviò al mercato... 

Su di me


Ciao, sono Bianca Adriano.

Aiuto le persone a Sbloccare la propria Vita, Potenziare l'Intuito, decifrare i Messaggi dell'Anima, connettersi con i propri Spiriti Guida, Maestri e Angeli.
Uso Terapie Olistiche Integrate: Tarocchi, Oracle Cards, Sciamanesimo, Chakra, Shiatsu, Meditazione Guidata

Per un Consulto o un percorso insieme chiamami al
392.65.77.244 oppure scrivi a biancaadriano1@gmail.com